Ardisia

Categoria: Giardino

L'Ardisia (Ardisia crispa) è una pianta arbustiva sempreverde originaria delle Indie Orientali e della Cina. Ottima come pianta da interni, nel periodo natalizio l'ardisia rappresenta una validissima alternativa alla tradizionale stella di Natale per via della presenza di splendide bacche rosse. L'ardisia appartiene alla famiglia delle Myrsinaceae. Si tratta di una pianta caratterizzata da una crescita molto lenta; mostra un portamento ad alberello, con la chioma ampia, portata da un singolo fusto non eccessivamente alto (60-90 cm circa). Le foglie - lucide e di colore verde intenso - sono molto decorative. La fioritura avviene in Giugno. I fiori - profumati bianchi, cremisi o violacei - crescono raccolti in pannocchie lunghe fino a 10 cm. In autunno seguono piccole bacche ovali di colore rosso e lucide, caratteristica che la rende ideale come addobbo natalizio, che durano fino alla fioritura successiva; sulla stessa pianta possono coesistere i fiori nella parte alta e i frutti sui rami più  bassi. Ideale per la coltivazione una temperatura intorno ai 18° C; temperature troppo basse o troppo alte, causano la caduta di frutti e foglie.

 

Esposizione:  ideali le posizioni luminose, ma non il sole diretto. Durante la stagione estiva può essere trasferita all'aperto ma durante le giornate più calde va posta in ombra poiché risente negativamente di temperature superiori a 20°. Anche se resistente alla  basse temperature - che però non devono mai scendere al di sotto dei 2-3 °C - in inverno si ricovera in casa, possibilmente vicino ad una finestra e lontano dalle fonti di calore

Coltivazione: di facile manutenzione; possiamo coltivare l'ardisia in casa, in vaso, ma anche in giardino, in piena terra. Il terreno ideale è composto da sabbia e torba in parti uguali e deve essere rigorosamente ben drenato. Per drenare ancor di più il terreno, possiamo aggiungere ghiaia o cocci sul fondo del vaso. È consigliabile concimare ogni 15 giorni dalla primavera all'autunno con concime universale diluito nell'acqua delle annaffiature. Il rinvaso si effettua non prima di 3-4 anni in considerazione del fatto che si tratta di una pianta a crescita lenta

Messa a dimora: la moltiplicazione per talea si effettua da maggio ad agosto prelevando porzioni di germogli laterali lunghi circa 10 cm. Le talee si mettono a radicare in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali. A radicazione avvenuta, dopo circa 6-8 settimane, le nuove piantine possono essere trapiantate in vaso

Irrigazione: l'ardisia va annaffiata regolarmente da giugno a settembre in modo che il terreno resti sempre umido. Da evitare gli eccessi e sopratutto i ristagni idrici che farebbero ingiallire le foglie. Le bagnature vanno ridotte in inverno se la pianta viene si trova in appartamento, mentre se rimane in giardino è più opportuno sospenderle del tutto.

 

Afidi

Parassiti

Sono insetti molto piccoli (gli adulti misurano in genere 2 millimetri) che, pungendo foglie e petali, causano macchie decolorate.
La forma alata è la prima ad infestare la coltura. Successivamente si hanno forme attere (senza ali) che daranno inizio alla colonia. Le colonie colonizzano le foglie più giovani e i bottoni fiorali provocando rallentamenti vegetativi e danni ai fiori.

Come difendere i pomodori dagli afidi. Guarda il video tutorial

Vedi scheda completa