Fichi d’india

pubblicato il 19.09.2016

Vi piacciono i fichi d’india? Maturano in questo periodo! Sono i frutti dell’Opuntia ficus-indica, pianta appartenente alla famiglia delle Cactaceae, originaria dell’America latina.

E’ una pianta succulenta che vive in condizioni climatiche caldo aride, perfettamente adattata al clima di tipo mediterraneo: la sua coltivazione è ampiamente diffusa, infatti, nell’Italia del sud, in Puglia, Sicilia, Calabria e in Sardegna. In queste regioni, il fico d’india cresce anche spontaneamente, essendo una pianta molto rustica, che si adatta a terreni poveri e sassosi, senza necessità di cure, regalando una vivace fioritura, gialla come il sole, e frutti in abbondanza.

Attenzione a non pungersi con le sue spine! Le sue pale succulente, infatti, ovali e appiattite, chiamate in termini più corretti “cladodi”, sono ricoperte di spine sottilissime, che si inficcano nella pelle con notevole facilità e altrettanto fastidio. Anche i frutti sono ricoperti di spine, ragion per cui è necessario maneggiarli con molta cura se non si vuole essere punti. Sono bacche ovali, di colore giallo, arancione o rosso violaceo, che maturano in estate inoltrata, fino all’autunno. Sono frutti dal sapore dolcissimo, ricchi in zuccheri, vitamina C e sali minerali; una fonte di benessere per il nostro organismo. Non bisogna comunque mai esagerare con il loro consumo, la loro polpa, infatti, contiene numerosi semini, il cui accumulo nell’intestino potrebbe sortire effetti non piacevoli!

Scrivi all'agronomo