Segui i nostri consigli di Gennaio



Gennaio, mese sonnacchioso di pieno inverno; i suoi ultimi tre giorni, chiamati "giorni della merla" (29, 30 e 31 gennaio), sono reputati nella tradizione popolare i più freddi dell'anno.

E' il mese in cui la natura riposa e le attività di orto e giardino sono ridotte al minimo, a causa delle rigide temperature, la neve e il gelo.  

 

 

Gennaio: l'appartamento

"Il giorno dell'epifania tutte le feste si porta via": è giunto il momento di disfare il presepe e l'albero di Natale; cosa fare con l'albero spoglio di addobbi? Se non avete un giardino o un posto all'esterno dove coltivarlo, sappiate che molti enti e istituzioni (tra cui il Corpo Forestale dello Stato) organizzano la raccolta di alberi di Natale dopo le festività per restituirli all'ambiente e salvarli da una morte quasi sicura.

Prendetevi cura delle vostre piante verdi d'appartamento eliminando la polvere che si è depositata sulle foglie con un panno umido. Bagnatele poco, solo se necessario e se la terra è troppo asciutta. Per non farle soffrire, ricordatevi di tenerle lontane da termosifoni, fonti di calore o spifferi e correnti d'aria.

 

 

Gennaio: l'orto

In questo periodo, l'orto è a riposo e non richiede lavoro e dispendio di fatica fisica, il consiglio è invece di iniziare a programmare la disposizione dell'orto per la prossima stagione! Pensate a quali specie seminare e come dividerle nelle parcelle a disposizione del vostro orto.
Iniziate ad acquistare le bustine di sementi che avete deciso di seminare. Eseguite una prima lavorazione e concimazione del terreno incorporando sostanza organica quale letame maturo, o concime granulare a lenta cessione, così da arricchire il substrato che accoglierà l'orto.
Le uniche specie presenti nell'orto a gennaio sono cavolfiori, broccoli, verze, porri e cardi.
Se avete a disposizione un tunnel, potete invece continuare a seminare e raccogliere lattuga, radicchio, rucola, valeriana e altre insalate da taglio.

Potrebbero interessarti anche

Gennaio: il frutteto

In seguito ad un'abbondante nevicata, scuotete la neve dai rami che potrebbero spezzarsi per il troppo peso.
Se avete un camino, buttate la cenere ai piedi delle piante da frutto; è ricca in potassio, elemento che aiuterà la pianta a fiorire e a fruttificare in abbondanza.
Terminate la raccolta delle olive più tardive. Raccogliete gli ultimi kaki e i kiwi, le arance e i limoni maturi.
Iniziate a lavorare il terreno, tramite vangatura, per prepararlo all'impianto di nuove piante: rompete la crosta superficiale e interrate sostanza organica o letame, o concime granulare a lenta cessione.
Potate meli, peri, viti.

 

 

Potrebbero interessarti anche

Gennaio: il giardino

A gennaio fioriscono il gelsomino invernale, o di S.Giuseppe (Jasminum nudiflorum), il profumato calicanto, i bucaneve, l'amamelide, l'elleboro bianco e quello verde (attenzione al lattice urticante emesso dai suoi tessuti), il viburno. Sbocciano i primi narcisi.
Potate le piante del giardino eliminando i rami secchi o morti e quelli più deboli. Potate le rose e gli arbusti che fioriscono a fine primavera o inizio estate. Se la temperatura lo consente e non è troppo fredda, e non sono più previste gelate, potete provvedere a mettere in terra nuovi arbusti e nuove rose.
Per colorare le aiuole del vostro giardino, potete mettere in terra viole del pensiero o erica.
Tenete pulito il prato del vostro giardino dalle foglie cadute.

Potrebbero interessarti anche

Gennaio: terrazzo e balcone

Se in autunno non avete provveduto a interrare i bulbi di tulipani, giacinti, narcisi, muscari e altre specie a fioritura primaverile, potete ovviare ora acquistando bulbi già germogliati da mettere in terra nei vasi del vostro balcone.

Colorate i davanzali con vasi di erica o viole del pensiero. Durante le ore diurne più calde esponete anche i vasi di ciclamini, ma ricordatevi di ritirarli in casa la sera (teneteli lontano da termosifoni).

 

 

Potrebbero interessarti anche