Segui i nostri consigli di Giugno



Finiscono le scuole, inizia l'estate! Giugno è il mese che più di altri invoglia a scampagnate all'aria aperta, prendersi cura dell'orto e del giardino. Con il solstizio d'estate, le giornate sono più lunghe che in altri periodi dell'anno. Le temperature sono ormai stabilmente su valori prettamente estivi.

Se avete lavorato bene durante il periodo primaverile, è giunta l'ora di godere di frutti e ortaggi freschi, e di un giardino rigoglioso e fiorito.

Non lasciatevi però prendere dalla pigrizia e continuate a tenere d'occhio lo stato di salute delle vostre piante: difendetele dall'attacco di parassiti e malattie, innaffiatele regolarmente.

 

Giugno: l'appartamento

Per chi ne ha l'opportunità, è bene tenere le piante all'esterno, sul balcone o sul terrazzo, approfittando delle temperature estive; scegliete una posizione dove non vengano raggiunte dai raggi diretti del sole nelle ore centrali della giornata. Ricordatevi di bagnarle regolarmente, in base alle esigenze, ma senza esagerare. Eccessi idrici possono provocare l'insorgenza di marciumi, mentre troppo caldo e carenza di acqua provocano ingiallimento e allessamento delle foglie. Se l'aria è troppo secca, nebulizzate la chioma delle piante con acqua a temperatura ambiente, meglio utilizzare acqua demineralizzata, o comunque povera di calcare.

Potete tenere all'esterno anche le orchidee, avendo cura di non metterle sotto i raggi diretti del sole. Poggiate i vasi su uno strato di argilla espansa o ciottoli, che terrete sempre umidi, in modo da mantenere l'umidità ambientale richiesta da queste piante, senza però creare ristagni d'acqua, dannosi poiché provocano lo sviluppo di marcescenza.

Nutrite piante verdi e orchidee con concimi specifici; scegliete fertilizzanti liquidi da diluire nell'acqua d'irrigazione, o da somministrare direttamente nel vaso in gocce, con le dosi e frequenza indicate sull'etichetta del prodotto.

Controllate l'eventuale comparsa di cocciniglie e acari, particolarmente prolifici con temperature calde e secche. Intervenite tempestivamente alla comparsa con i prodotti opportuni, come consigliato nelle pagine di questo portale.

 

Giugno: l'orto

In questo mese potrete seminare o trapiantare piantine direttamente in piena terra: basilico, barbabietole rosse, bietole, broccoli, carote, cavolo cappuccio, cavolfiore, cetrioli, cicoria, fagioli e fagiolini, finocchio, indivia, melanzane, peperoni, scarola, lattuga, meloni, pomodori, porri, prezzemolo, ravanelli, rape, rucola, sedano, scarola, verza, zucchine.

Maturano e sono pronti per la raccolta i primi pomodori, i cetrioli, lattuga, radicchio, rucola, spinaci, melanzane, zucchine, fave e piselli. Continuano a maturare le fragole, e i primi meloni.

Eliminate le erbacee infestanti che crescono nell'orto, a mano se possibile (in piccoli orti), o lavorando il terreno con una motozappa o un motocoltivatore.

Frequenti possono essere gli attacchi di afidi su pomodoro, melanzana, cucurbitacee e leguminose (Aphis gossypii, Aphis fabae e Myzus persicae), aleurodidi o mosca bianca (Trialeurodes vaporariorum) e larve di lepidotteri defogliatori sulle piante dell'orto: intervenite alla comparsa con prodotti insetticidi specifici. Sulle piante di patata tenete d'occhio la presenza della Dorifora (Leptinotarsa decemlineata), in grado di divorare intere piante! Eseguite inoltre trattamenti preventivi contro oidio e peronospora, con prodotti fungicidi specifici. Consultate la sezione "libreria" di questo portale per la scelta del prodotto più opportuno. 

Soprattutto in giornate umide e in seguito a piogge, compaiono lumache e limacce, divoratrici delle piantine dell'orto. Eliminatele con prodotti opportuni.

 

Potrebbero interessarti anche

Giugno: il frutteto

A giugno maturano le ciliegie, le albicocche e le susine. E' il momento di raccogliere anche i piccoli frutti: mirtilli, lamponi, fragole.

Nel caso di fruttificazione abbondante, diradate i frutticini dei peschi, così da ottenere pesche più grosse e di qualità superiore.

Eseguite trattamenti fungicidi contro la monilia su pesco, susino, albicocco e ciliegio; contro la ticchiolatura di melo e pero, maculatura bruna, oidio e peronospora. Trattamenti insetticidi sono invece consigliati contro cidia, anarsia, carpocapsa, psilla, cocciniglie. Consultate questo sito per avere informazioni e consigli sui prodotti da utilizzare e le modalità da seguire.

 

Potrebbero interessarti anche

Giugno: il giardino

Per avere aiuole sempre fiorite, seminate ora specie annuali a fioritura tardiva, quali cosmea, pratolina, violaciocca gialla, zinnia; le temperature sono ormai stabilmente su livelli elevati e vi permetteranno di fare il semenzaio all'aperto, e, tenendolo opportunamente innaffiato, ottenere una buona fioritura nel giro di poche settimane.
Rose e ortensie sono in piena fioritura. Gelsomini, azalee e rododendri stanno completando la loro vivace e abbondante fioritura annuale.
Le bulbose (tulipani, narcisi, ...) hanno terminato la fioritura; dissotterrate i bulbi, eliminate le foglie secche e la terra in eccesso e conservateli in un luogo fresco e buio fino all'autunno, quando andranno messi nuovamente in terra.

Per mantenere le piante in pieno vigore e prolungare la fioritura, somministrate un concime liquido specifico, seguendo le indicazioni (dosi e modalità) indicate in etichetta. Nel caso di piante acidofile (azalee, rododendri, ortensie), somministrate un concime specifico a base di solfato di ferro o chelato di ferro.
Eliminate i fiori secchi, per fare spazio ad una eventuale seconda fioritura di rose e altre specie fiorite.
Su rosa possono verificarsi attacchi di afidi, da combattere con prodotti aficidi specifici. Eseguite, inoltre, trattamenti fungicidi contro ruggine, ticchiolatura e oidio.
Eliminate le erbacce che crescono nelle aiuole, se possibile a mano, avendo cura di asportarne anche l'apparato radicale.
Tagliate l'erba del prato e irrigatelo in base alle temperature e alle esigenze, nelle ore più fresche serali o la mattina presto. Aerate il terreno.

 

Potrebbero interessarti anche

Giugno: terrazzo e balcone

Scegliete le piante più adatte per le caratteristiche del vostro balcone. Nel caso di balconi esposti a sud, molto luminosi e con sole diretto nelle ore più calde della giornata, è meglio scegliere piante che sopportino queste condizioni: geranei, petunie, surfinie, plumbago, lantana,...
Nel caso invece di terrazzi esposti a nord, più freschi e meno luminosi, scegliete specie fiorite quali impatiens, begonia, bella di notte, fucsia.
Seminate in vaso specie annuali a fioritura tardiva, quali cosmea, pratolina, violaciocca gialla, zinnia.
Dissotterrate i bulbi di tulipani, narcisi, ... che hanno terminato la fioritura; eliminate le foglie secche e la terra in eccesso e conservateli in un luogo fresco e buio fino all'autunno, quando andranno messi nuovamente in terra.

Le piante sono nella fase di maggior rigoglio vegetativo e fioritura; hanno bisogno di acqua fornita in maniera regolare in base alle dimensioni della pianta e alle sue necessità e di fertilizzazioni frequenti, con prodotti specifici per piante da fiore, da somministrare con dosi e modalità indicate sull'etichetta del prodotto, in media ogni 10 giorni.

Se i geranei vengono attaccati dalla farfallina Cacyreus marshalli, somministrate prodotti insetticidi specifici contro questi lepidotteri, le cui larve creano danni distruttivi nei confronti delle piante.

 

Potrebbero interessarti anche